F.I.G.C. – SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO

Stagione Sportiva 2009/2010

 

COMUNICATO UFFICIALE n° 1

 

 

 

L’attività calcistica giovanile viene regolata tenendo presente in maniera prioritaria quanto riportato dalla Carta dei diritti dei bambini (New York - Convenzione sui Diritti del Fanciullo del 20/11/1989) e dalla Carta dei diritti dei ragazzi allo Sport (Ginevra 1992 ~ Commissione Tempo Libero O.N.U.) in appresso indicata, alla quale si dovrebbe guardare con particolare attenzione in modo che a tutti i bambini e le bambine siano assicurati:

 

·           IL DIRITTO DI DIVERTIRSI E GIOCARE;

·           IL DIRITTO DI FARE SPORT;

·           IL DIRITTO DI BENEFICIARE DI UN AMBIENTE SANO;

·           IL DIRITTO DI ESSERE CIRCONDATO ED ALLENATO DA PERSONE COMPETENTI;

·           IL DIRITTO Dl SEGUIRE ALLENAMENTI ADEGUATI AI SUOI RITMI;

·           IL DIRITTO DI MISURARSI CON GIOVANI CHE ABBIANO LE SUE STESSE POSSIBILITÀ DI SUCCESSO;

·           IL DIRITTO DI PARTECIPARE A COMPETIZIONI ADEGUATE ALLA SUA ETÀ;

·           IL DIRITTO DI PRATICARE SPORT IN ASSOLUTA SICUREZZA;

·           IL DIRITTO DI AVERE I GIUSTI TEMPI DI RIPOSO;

·           IL DIRITTO DI  NON ESSERE UN CAMPIONE

 

 

Anche l’UEFA, riunitasi in più occasioni con le 51 federazioni calcistiche associate, nel trattare argomentazioni che riguardano il calcio giovanile e di base in particolare, sottolinea  i concetti espressi nella carta dei diritti, e per darne più significato li evidenzia in  un decalogo che riteniamo utile proporre in questo Comunicato:

 

·           IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI;

·           IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE;

·           IL CALCIO È CREATIVITÀ;

·           IL CALCIO È DINAMICITÀ

·           IL CALCIO È ONESTÀ

·           IL CALCIO È SEMPLICITÀ

·           IL CALCIO DEVE ESSERE SVOLTO IN CONDIZIONI SICURE

·           IL CALCIO DEVE ESSERE PROPOSTO CON ATTIVITÀ VARIABILI

·           IL CALCIO È AMICIZIA

·           IL CALCIO È UN GIOCO MERAVIGLIOSO

·           IL CALCIO È UN GIOCO POPOLARE E NASCE DALLA STRADA…

 

 

 

In queste affermazioni, riportate per altro su un documento video ufficiale, si richiama l’attenzione circa i modelli educativi a cui si devono riferire tutte le attività promosse, organizzate e praticate nei Settori Giovanili. Negli intendimenti UEFA, di estrema rilevanza è considerato il ruolo del calcio come agente efficace di integrazione sociale ed è per questo che invita le Federazioni a porsi il problema del “recupero” del calcio di strada (grassroots football), soprattutto come filosofia di fondo alla didattica applicata.